La nuova Arma Militare USA : Il razzo CORONA VIRUS contro la Cina.

Crescono i sospetti che l’epidemia di Coronavirus in CINA sia stata bioingegnerizzata dagli USA. “Sembra che sia stato fatto su misura per raggiungere gli obiettivi di Washington”, afferma Dennis Etler, analista politico americano che ha un interesse decennale negli affari internazionali. Etler, ex professore di antropologia presso il Cabrillo College di Aptos, in California, ha fatto queste osservazioni venerdì scorso durante un’intervista con Press Tv. L’epidemia di virus ha provocato circa 500 decessi in Cina e oltre 130 casi sono stati segnalati in altri 25 Paesi.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’epidemia un’emergenza globale. Gli Stati Uniti hanno pubblicato un avviso di “non viaggiare” in Cina. “I media statunitensi, che sono l’ancella dell’élite economica e politica, hanno giocato al poliziotto buono, poliziotto cattivo quando si tratta di riferire sull’epidemia di Coronavirus di Wuhan”, ha dichiarato il professor Etler.

“Ci sono articoli che lodano la rapida risposta della Cina al contenimento dell’epidemia, ma ci sono anche articoli allarmistici che diffondono false narrazioni e notizie false su di esso, aumentando la paura dei virus diffusi e le sue conseguenze potenzialmente terribili. L’effetto è di mettere in dubbio gli sforzi della Cina e di stigmatizzare ulteriormente la nazione cinese e il suo popolo. D’altra parte, molte persone sono sospettose delle origini dei virus e lo attribuiscono al sabotaggio americano. Le accuse che si tratti di un attacco di guerra biologica non sono tuttavia comprovate. Fino a quando non c’è una pistola fumante che mostra che c’era una componente del virus progettata dall’uomo, è pura speculazione”, afferma Etler.

Coronavirus e propaganda Usa

“Tuttavia, ci sono buone ragioni per essere sospettosi di un ruolo degli Stati Uniti nell’origine del Coronavirus. Gli Stati Uniti sono un cattivo attore, non si può fidare della sua parola e hanno una storia di azioni clandestine illegali e immorali, sia in patria che all’estero. Gli Stati Uniti hanno anche il motivo di progettare e diffondere un virus di questo tipo in Cina. Hanno usato ogni stratagemma per cercare di destabilizzare la Cina e sconvolgere la sua economia. Ha anche lanciato una incessante campagna di propaganda per demonizzare e ostracizzare la Cina. Indipendentemente dal fatto che abbia o meno progettato l’epidemia, ne sta approfittando per far avanzare la sua agenda anti-cinese”, ha osservato l’analista.

“Il segretario al Commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, è arrivato al punto di dire che il virus potrebbe aiutare a riportare a casa i lavori negli Stati Uniti, che è una dichiarazione vergognosa e insensibile che mostra il suo disprezzo per la vita, la salute e la sicurezza del popolo cinese. L’epidemia del virus sembra quindi essere stata creata su misura per raggiungere gli obiettivi di Washington. Il virus è abbastanza lieve da non avere conseguenze apocalittiche ma abbastanza grave da giustificare misure estreme e aggressive per contenerlo. La Cina è particolarmente vulnerabile in questo momento, durante l’annuale Festival di Primavera che celebra il Capodanno cinese”, ha osservato l’analista americano.

“Se il virus è o meno un ceppo mutante di un Coronavirus naturale o un’arma biologica geneticamente modificata è una questione controversa. La Cina deve concentrarsi su una sola cosa, proteggere non solo la sua stessa gente ma la gente del mondo. I suoi valorosi sforzi per farlo, a grandi costi e sacrifici, dovrebbero essere accolti e apprezzati in tutto il mondo”, ha concluso Etler.

Tutto può essere …

Massimo

Massimo
Massimo