E’ passato molto tempo da quella notte, oramai 4 anni fà, ricevetti l’ultimo messaggio della misteriosa Muruvvet, la messaggera del Fantomatico Sicario dell’economia che molti segreti mi aveva svelato.

In questi anni ho pensato che forse, per lui era diventato troppo difficile avvicinarsi a me e dunque avevamo perso qualsiasi contatto.

O forse, era la ragazza dai lunghi capelli Ricci e dagli occhi bellissimi a voler sparire e proteggere la sua identità.

Avevo però percepito la sua presenza in almeno due occasioni . La prima era stata durante la pandemia nella mia quarantena Svizzera, dove durante la notte in almeno due occasioni avevo visto passare una macchina bianca dalla targa straniera davanti la mia nuova residenza. Mi sentivo seguito , ma non avevo paura , quella presenza femminile mi rassicurava, una sorta di Agente segreto come is vedono nei film, bellissima e misteriosa, sfuggente, intrigante e intelligente.

La seconda occasione è stata proprio per il mio compleanno, durante la notte ricevo un messaggio in un foglietto piegato in 4 raffiguarante un fiore, il fiore era un Tulipano Giallo…

Al momento pensai ad uno scherzo di qualche amico ma in realtà… pensandoci. Il tulipano e’ un Fiore Turco , poi esportato in Olanda dove ne è diventato il Simbolo.

Era Lei, dopo molto tempo avrei potuto rivederla e ricevere un altro messaggio del “Sicario”, l’agente segreto americano che oramai da 6 anni comunicava con me rivelazioni Scottanti, a volte criptiche sul futuro del mondo. Ero emozionato di capire cosa fosse successo in tutti questi anni e perchè ancora qui , a cercare me che nulla di speciale rappresento per lavoro o stile di vita.

Il contatto non tardò ad arrivare, un messaggio sul mio telefono da un numero del Qatar…

Un breve video di un mercato, un Bazar, che io ho riconosciuto benissimo, il luogo era a me noto, Il Grand Bazar di Istanbul, la città dove sarei andato da pochi giorni a questa parte.

Incredibile sapere che conoscevano tutte le mie mosse, i miei viaggi, i miei spostamenti, il mio nuovo numero… ma tutto questo mi rassicurava, sapevo benissimo che lo avevano fatto solo per proteggere la mia persona.

Istanbul ha una caratteristica, è molto facile far perdere le proprie tracce pur essendo al centro di una metropoli con oltre 18 milioni di abitanti, il video mostrava una parte del Gran Bazar, poi un Breve messaggio con un codice e una frase in Inglese : B 18 Moongold.

Ero confuso, Il messaggio non era chiaro, non sapevo a che ora dovrei essere stato li e l’esatta locazione in uno dei Luoghi più affollati del mondo.

Sapevano che sarei stato qui dal 8 al 12 Dicembre , dunque dovevo andare a visitare il Bazar il prima possibile per poter capire dove sarebbe stato l’incontro, si intravedevano dei negozi di Oro, dunque la parte da visitare era sicuramente quello delle Botteghe orafe.

Arrivai quasi subito alla zona indicata, e guardando attentamente mi accorsi che i numeri civici delle botteghe erano indicate con una lettera e due numeri. Trovai il B18 dove nella vetrina  era esposto una grande luna di Oro come ornamento di una collana.

Ero li … dopo 4 anni pronto a ricevere un altro incontro ed un altro enigmatico messaggio…

Entro nel negozio e mi accorgo che vi è presente solo un anziano signore, che guardandomi, senza dire una parola, mi fa un cenno per andrare nel retrobottega.

Passo un lungo corridoio, semibuio, che mi porta ad una porta bianca, da sotto la prota vedo della luce …

Apro la porta dolcemente, intravedo di spalle una donna, folti lunghi capelli ricci, Era Muruvvet, e questa volta non era sola….

Davanti a lei, in penombra una figura di uomo, seduto su una poltrona rivolto verso di me, mi guarda, sta fumando un sigaro e davanti al suo tavolino un bicchiere di Wisky o qualche altro liquore che non riconosco.

Mi fa un cenno con la mano come per dire di fermarmi e non parlare, ero li, da solo davanti al mandante dei messaggi più inquetanti che potessi mai aver letto.

C’Era anche Muruvvet, L’agente che in tutti quegli anni aveva fatto da anello tra me e il Sicario…

Si chiude la porta e una voce esce da un vecchio registratore ed inizia a divulgare un messaggio.

Sarà la notte più lunga della mia vita, la notte dell’ Ultimo Messaggio …

Il messaggio registrato era inquetante, il futuro era in grande pericolo e Io sarei stato testimone di un grande avvenimento che avrebbe segnato l’umanità.

Ero impietrito ad ascoltare quelle parole, sarebbe veramente finito tutto cosi’ ……. ?

 

 

 

 

 

Massimo
Massimo